Terra Libera: i giovani che vogliono fare la differenza

Il 5 giugno a San Giovanni Rotondo ci sarà una giornata ecologica organizzata dai ragazzi di Terra Libera in difesa dell’ambiente e del territorio

Spesso l’amore per la propria terra è fatto di parole, pensieri e desideri, ma anche di piccoli gesti che possono comunque dire tantissimo. La giornata ecologica del 5 giugno a San Giovanni Rotondo è esattamente un piccolo gesto d’amore che i ragazzi di Terra Libera vogliono regalare al proprio territorio: un’iniziativa volta a liberare dai rifiuti una delle tante, magnifiche zone del Paese purtroppo abbandonata a sé stessa.

A San Giovanni Rotondo, infatti, è piuttosto facile trovarsi davanti ad un paesaggio da ammirare con emozione mentre fa da sfondo alla bellezza della natura Garganica. Ma è altrettanto facile notare come questi paesaggi siano spesso soffocati dall’egoismo umano e dalla poca consapevolezza di ciò che ci circonda. L’intraprendenza dei giovani di Terra Libera, comitato cittadino fondato dal basso da ragazze e ragazzi sangiovannesi, è radicata nella convinzione di dover fare qualcosa di concreto per difendere l’ambiente, anche attraverso un atteggiamento autocritico: “Sono contemporaneamente colpevole e vittima – dice una ragazza che ha deciso di partecipare all’iniziativa – a volte senza neppure saperlo, ma se posso vorrei cambiare questa condizione.”

“Getta l’indifferenza”, questo è uno degli hashtag utilizzati sui profili social ufficiali dell’evento, oltre ad essere il leitmotiv di un’iniziativa che ha come obiettivo quello di sensibilizzare i cittadini e le istituzioni riguardo il problema dell’abbandono dei rifiuti. “Getta l’indifferenza” è una frase che richiama alla responsabilità di tutti, contrastando chi pensa che il problema sarà di “quelli che verranno dopo di noi” e stimola il risveglio di un senso civico e di comunità che sembra oggi smarrito.
Ben consapevoli del fatto che non basta una sola iniziativa di questo tipo per cambiare totalmente le cose, l’intenzione del progetto è quello di comunicare un messaggio chiaro che inneschi un processo di innovazione e cambiamento a favore di un impegno comune nei confronti dell’ambiente: “Vorrei risvegliasse la memoria di tutti – spiega un giovane che parteciperà all’evento – un po’ utopico magari, ma anche il solo prendere atto del problema ambientale è una parte inconsapevole del cambiamento che andrebbe messo in moto”.

L’evento del 5 giugno si terrà alle ore 9 in località Pozzo Cavo, ed è aperto a tutti i cittadini che vorranno partecipare alla raccolta o alle varie attività di supporto all’iniziativa (promozione e comunicazione, supporto, condivisione). Verrà fornita in loco tutta l’attrezzatura necessaria (pinze per la raccolta, guanti, mascherine, buste, ecc.) e saranno garantite le misure anti-covid previste (distanziamento, mascherina, gel, ecc.). L’evento è in collaborazione con “Biblion”, “Asd Polisportiva Eppe Merla”, “Legambiente” e patrocinato dal Comune di San Giovanni Rotondo. Per qualsiasi informazione sull’evento o sulle varie iniziative è possibile contattare gli account social ufficiali di Terra Libera.