SAN GIOVANNI ROTONDO : PRESENTATA LA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA DEL PROSSIMO 16 MAGGIO AL PEROTTINO … TRA ASSENZE E PREMIAZIONI

FRATE ALDO BROCCATO: “PADRE PIO AMAVA LO SPORT. QUESTO EVENTO E’ BENEAUGURANTE PERCHE’ CADE NEL VENTENNALE DELLA SUA BEATIFICAZIONE”

ILLUMINATE DI ROSA LA FACCIATA DI PALAZZO DI CITTA’ E LA CROCE DEL SAGRATO.

SCOPPIA LA FEBBRE ROSA IN CITTA’

Dalle ore 18,00 di ieri la facciata di Palazzo San Francesco, sede municipale, e la Croce in pietra, alta 40 metri, donata dalla Regione Puglia, sul sagrato della chiesa di san Pio, sono illuminate di color rosa. Uno spettacolo ideato allo scopo di omaggiare la tappa del Giro d’Italia di ciclismo in programma il prossimo 16 maggio presso la città del santo con le stimmate, che si appresta ad ospitare un evento simile per la prima volta nella sua storia. Tra tre mesi e mezzo San Giovanni Rotondo sarà sede del traguardo finale della sesta tappa (delle 21 in totale) della corsa rosa numero 102, la Cassino-San Giovanni Rotondo, 233 chilometri – tra le più lunghe dell’edizione 2019 – che si snoderanno attraverso l’Appennino centro-meridionale (Isernia, Bojano, Campobasso), il Tavoliere di Puglia (Lucera, Foggia) e le balze del Gargano (Rignano Garganico e San Marco in Lamis) prima di toccare il traguardo finale a San Giovanni Rotondo. La manifestazione è stata presentata ieri in conferenza stampa all’info-point comunale di piazza Santa Maria delle Grazie. Assenti tutti i rappresentanti annunciati della Regione Puglia – il presidente Michele Emiliano, gli assessori Loredana Capone e Raffaele Piemontese – rappresentati dai vertici di Puglia Promozione ed il presidente della Provincia di Foggia Nicola Gatta (i suoi saluti sono stati portati da Giuseppe Mangiacotti). Assenti anche Jenny Narcisi, pluricampionessa di ciclismo, medaglia di argento nel 2017 ai campionati del mondo in Sud Africa e Lorena Ziccardi, campionessa italiana paraciclismo e bronzo europeo ai campionati di categoria (annunciata per la manifestazione nel pomeriggio al chiostro comunale).

 

Presente invece Davide Cassani, il commissario tecnico della nazionale italiana maschile di ciclismo su strada: “Il Giro d’Italia è una occasione irripetibile per promuovere le bellezze del territorio del Gargano, il quale non a caso è anche sede del Parco nazionale del Gargano. Qui tutto è buono e bello, a partire dalla cucina, eccezionale. E’ stato Adriano De Zan (storico giornalista del ciclismo) a farmi capire che quando si arriva in un posto, bisogna girare per approfondirne la storia e la cultura e vi dico che qui siete davvero messi bene”. Poi Cassani ha ricordato le antiche origini della Puglia con il Giro d’Italia che risalgono al 1911, quando andò in onda la tappa Sulmona- Bari. Frate Aldo Broccato – in rappresentanza di padre Francesco Dileo del convento dei cappuccini di San Giovanni Rotondo – ha ricordato l’amore di padre Pio per lo sport, sottolineando la felice ricorrenza “beneagurante” di questa “tappa del Giro d’Italia di maggio prossimo che cade in prossimità del ventennale della beatificazione di Padre Pio (2 maggio 1999- 16 maggio 2019)”. Rammentata anche la storica visita di Fausto Coppi a Padre Pio nel 1958 immortalata dalla famosa foto che campeggiava ieri in bella mostra sul tavolo dei relatori. Di grande occasione per la città ha parlato il sindaco Costanzo Cascavilla – sulla stessa lunghezza d’onda Michele Merla primo cittadino di San Marco in Lamis- che ha rivelato di aver ricevuto una telefonata di augurio da parte del premier Giuseppe Conte, che a San Giovanni Rotondo è di casa per averci vissuto da ragazzo, tanto che vi abitano ancora i suoi genitori. A conferma della dilagante febbre rosa che sembra aver avvolto la città in vista della tappa di maggio prossimo, ieri già facevano bella mostra di sé sui tavoli i vari prodotti enogastronomici del Gargano rigorosamente avvolti in sacchetti color rosa con tanto di didascalia rimandanti alla manifestazione ciclistica. Gran parte degli intervenuti hanno ribadito e sottolineato come il Giro d’Italia sia ormai da considerare un patrimonio non solo sportivo ma anche culturale del nostro Paese, un fenomeno di costume che ha fatto la storia dell’Italia. Accesi anche i riflettori sulle azioni sinergiche in atto tra Comune di San Giovanni Rotondo e Puglia Promozione e che saranno portate alla BIT di Milano in programma dal 10 al 12 febbraio con un occhio al turismo lento, filone turistico dato in ascesa quest’anno. Di sport, tra cui il ciclismo, da promuovere nelle scuole ha invece parlato il delegato provinciale Coni, Domenico Di Molfetta, accompagnato dal fiduciario Coni di San Giovanni Rotondo Stefano De Bonis. La chicca finale è l’annuncio della presenza a San Giovanni Rotondo il prossimo 21 aprile degli eredi di Gino Bartali e Fausto Coppi per ricordare i due campioni indimenticabili del ciclismo italiano nella terra di Padre Pio.
Francesco Trotta