A San Giovanni Rotondo una raccolta sangue organizzata dall’Associazione Nazionale Carabinieri

L’iniziativa della sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri è stata realizzata in collaborazione con l’ANSI (Associazione Nazionale Sottufficiali Italiani) e l’associazione di volontari Misericordia

“Abbiamo voluto organizzare la raccolta in occasione dell’arrivo dell’estate, ovvero il periodo in cui è maggiore la richiesta di sangue da parte degli ospedali”, commenta il anc sangue Longopresidente ANC Michele Longo (in foto a sinistra) che aggiunge: “Abbiamo voluto riprendere l’iniziativa, dello scorso anno, dell’ANSI – Loro lo hanno versato noi lo raccogliamo – in ricordi dei militari caduti della Prima Guerra Mondiale”.

La proattività dell’associazione, iscritti propri e provenienti anche dalla Misericordia (associazione presieduta da Donato Cassano), ha consentito di raccogliere 25 sacche di sangue: “Abbiamo contattato il Centro Trasfusionale della Casa Sollievo dellla Sofferenza che ha messo a disposizione l’autoemoteca e il personale. Le donazioni – spiegano ancora dall’ANC – sono avvenute dalle 7.30 a mezzogiorno”.

La sezione dell’ANC di San Giovanni Rotondo non ha interrotto le sue attività neanche nel corso della piena emergenza sanitaria (Coronavirus), tant’è che ha provveduto a raccogliere tonnellate di derrate alimentare consegnate alla Caritas comunale e distribuire centinaia di mascherine. Parte di queste, una sessantina (prenotate grazie al contrbuto di un imprenditore ed iscritto all’associazione “De Cata Ceramiche”), sono state donate agli operatori sanitario del Centro Trasfusionale del nosocomio sangiovannese e consegnate al coordinatore del servizio Pietro Fania (presente alla raccolta, al centro nella foto in alto).

“Le prossime settimane ci serviranno per programmare altre iniziative sempre nello spirito di solidarietà e di gratuità che ci contraddistingue”, ha chiosato Longo.